Navigazione Veloce
Chiudi Navigazione

Vino

IL SAPORE SCHIETTO DELLA TOSCANA

Verità | Identità | Orgoglio | Toscanità

Non abbiamo niente da nascondere, perciò non ci servono filtri, né maschere.
I nostri prodotti conquistano tutti i sensi perché hanno una storia, un’identità e un carattere legati indissolubilmente alla Toscana, al suo sole, alla sua terra.


788.826 euro di fatturato
1 cantina
73 soci vignaioli
8.183 q.li di uve conferite e lavorate

Certificazioni

Certificazione di processo UNI EN ISO 9001:2008 - ente certificatore CSQA nella Cantina di:
 
Certificazione di prodotto D.O.C.G. Morellino di Scansano – ente certificatore Valoritalia

La Cantina di Magliano fa parte, dal 2014, del tessuto sociale e produttivo di Terre dell'Etruria grazie all’acquisizione di una società agricola cooperativa con l’intento di tutelare la tipicità dei vini di un vasto territorio che rientra nella DOCG Morellino di Scansano e che comprende parte dei comuni di Magliano in Toscana e Manciano.

La Cantina, punta essenzialmente alla lavorazione e commercializzazione di prodotti di qualità, raccogliendo le uve provenienti dai vigneti specializzati in tipologie autoctone e in purezza, fornite dai 73 viticoltori soci. I circa 8.183 q.li dell'ultima vendemmia, sono stati trasformati in circa 5121,878 Hl di vino di cui circa la metà rispondono alla DOCG Morellino di Scansano, mentre i restanti sono stati suddivisi in Vermentino DOC MAREMMA, Ciliegiolo DOC MAREMMA e fra le varie voci previste dalla IGT Maremma Toscana: Sangiovese, Rosso, Ciliegiolo, Merlot, Vermentino e Ansonica a marchio Antico Borgo.

Per il comparto HORECA abbiamo pensato alla linea IL PODERONE, creata con la selezione di un'unica particella di un solo socio, in cui troviamo CILIEGIOLO "Briglia", di VERMENTINO "Marmato", di MORELLINO DI SCANSANO "Giogo" ed un BOLGHERI DOC "Ugolino".

L'ultimo arrivato della famiglia IL PODERONE è Brumoso, si tratta di un Vino Frizzante Metodo Ancestrale fatto con le uve di Vermentino le stesse utilizzate per il Marmato. Le uve di vermentino utilizzate per il Brumoso vengono vendemmiate precocemente dopo essere state pressate in maniera soffice la fermentazione avviene in tini di acciaio a temperatura controllata, questo ci consente di rallentarla e di bloccarla nella parte terminale permettendo di imbottigliarlo dolce ( conservando un contenuto di zuccheri sufficiente a garantire la ripresa della stessa dopo l'imbottigliamento senza aggiunta di lieviti e zuccheri). Terminare la fermentazione in bottiglia permette una presa di spuma naturale inoltre non essendo filtrato alla fine della rifermentazione i residui di lieviti danno luogo ad una caratteristica sedimentazione, definita FONDO nel linguaggio comune, che costituisce una particolarità molto apprezzata.
DOMANI COME UNA VOLTA oggi la tecnologia aiuta quello che veniva fatto in origine antiche quando in assenza di tecnologie adeguate  era la natura a dettare i tempi del vino: gli ultimi residui zuccherini, in letargo durante l'inverno, ai primi calori primaverili potevano trasformarsi in alcol dando luogo ad una rifermentazione naturale in bottiglia. 
Il Brumoso va servito freddo, shakerare prima di stapparlo, al naso i classici profumi del Vermentino Acacia Pepe Bianco e Pesca in Bocca. Bollicina Fine e Persistente che rende il sorso molto piacevole e rinfrescante, sapidità e note acide lo rendono facile da abbinare.