Navigazione Veloce
Chiudi Navigazione
Apertura Frantoi

Distintività

La distintività che contraddistingue Terre Dell’Etruria è il frutto di una politica aziendale fondata sul criterio della multisettorialità e della molteplicità dei servizi offerti a soci e cliente in grado di presidiare l’intera filiera produttiva, che consente di attuare, insieme ai produttori, una programmazione mirata e fortemente orientata alla qualità.

Il modello di filiera consiste in un sistema integrato di produzione in cui la cooperativa coordina e segue direttamente tutte le fasi, dalla fornitura dei mezzi tecnici (concimi, agro farmaci, sementi, ecc.), alla fase di accrescimento e raccolta della materia prima, per finire  alla fase di conferimento in cooperativa dove il prodotto viene stoccate nei vari centri di raccolta,  controllato, lavorato ed infine immesso sui mercati privati e della GDO.

Il presidio dell’intera filiera produttiva permette di attuare insieme ai produttori una programmazione mirata e fortemente orientata all’eccellenza qualitativa delle produzioni, grazie anche al sistema incentivante, previsto dai vari regolamenti di filiera,  che prevede una remunerazione variabile al produttore, in funzione di parametri qualitativi ottenuti.

Il modello di filiera consente  una migliore valorizzazione del prodotto al socio, tutelando così il territorio e il patrimonio agroalimentare, l’ottenimento di elevati standard qualitativi e l’assicurazione al consumatore finale di  un prodotto raccolto, lavorato e distribuito minimizzando l’impatto ambientale dell’intero ciclo.

 

I tratti distintivi

  • Valorizzazione delle produzioni dei soci
  • Costante orientamento alla qualità dei prodotti e dei processi
  • Controllo dell’intera filiera produttiva
  • Capacità di innovazione degli impianti e delle attrezzature
  • Tutela dell’ambiente ricercando e proponendo nuovi sistemi di coltivazione
  • Spiccata propensione a ragionare collettivamente e considerarsi parte di un sistema che abbraccia più soggetti:mondo agricolo, industriale, operatori della distribuzione, consumatori, territorio