Navigazione Veloce
Chiudi Navigazione

Il periodico trimestrale di Terre dell'Etruria

Archivio Cooperazione in Agricoltura

Approfondimenti

Intervista a Tania Bernieri, Componente del Cda di Terre dell’Etruria nominata dalla Sez. soci di Vignale-Cura Nuova
Il futuro della cooperazione passa dall'aggregazione tra produttori
Intervista a Luca Brunetti, Tecnico di Terre dell'Etruria per l'area di Siena

VITASTAB TUTTO SALI P.Ca



Micro e Macroelementi essenziali


Aminoacidi


Ottimale rapporto Ca/P 2:1


Per carni e uova di prima qualità

Il mondo rurale: un patrimonio italiano inestimabile per tradizione, cultura e importanza economica, da tutelare con la stessa professionalità riservata ad altri settori. Per questo mondo, Formevet ha sviluppato un’offerta specifica di prodotti che, combinando efficacia, qualità e dovuta attenzione ai costi, accompagnano i piccoli allevatori nel loro sforzo quotidiano mirato ad ottenere carni e uova dai sapori antichi.

Nella gamma di prodotti che arricchiscono l’offerta Formevet destinata al mondo rurale troviamo VITASTAB TUTTO SALI P.Ca. VITASTAB TUTTO SALI P.Ca è un mangime complementare minerale per uccelli da gabbia e da voliera, colombi da carne, colombi da hobby, colombi viaggiatori e volatili in genere, eccetto polli fino a 14 giorni e tacchini fino a 28 giorni.

QUANDO SI USA

VITASTAB TUTTO SALI P.Ca è indicato per tutto il periodo di vita ed in modo particolare nelle fasi di elevato fabbisogno, durante l’ovodeposizione, lo svezzamento, la muta ed inoltre in tutte le situazioni in cui è richiesta l’integrazione con un mangime minerale. I macro e microelementi, associati ad aminoacidi solforati (metionina), lisina e colina, fattori nutrizionali indispensabili e solitamente insufficienti in diete a base di grani e/o sfarinati, presiedono alla formazione delle penne e delle piume creando robustezza, elasticità e brillantezza del colore.

COSA CONTIENE

COMPOSIZIONE - Fosfato dicalcico, Carbonato di calcio da rocce calciche, Cloruro di sodio, Farinetta di frumento. ADDITIVI PER kg DI MANGIME COMPLEMENTARE MINERALE - Composti di oligoelementi: 3b603/Ossido di zinco 4.960 mg (Zn 4.000 mg) - 3b502/Ossido di manganese (II) 3.225 mg (Mn 2.500 mg) - 3b101/Carbonato di ferro (II) (siderite) 8.280 mg (Fe 4.000 mg) - 3b405/Solfato di rame(II) pentaidrato 3.340,5 mg (Cu 850 mg) - 3b201/Ioduro di potassio 262 mg (I 200 mg) - 3b802/Selenito di sodio in granuli rivestiti 43,8 mg (Se 20 mg). Amminoacidi, loro sali e analoghi: 3c322/Monocloridrato di L-lisina, tecnicamente puro 5.000 mg - 3c301/DL-metionina, tecnicamente pura 15.000 mg. Vitamine, provitamine e sostanze ad effetto analogo chimicamente ben definite: 3a890/Cloruro di colina 50.000 mg.

COMPONENTI ANALITICI E RELATIVI TENORI

Lisina 0,5% - Metionina 1,5% - Calcio 19% - Fosforo 9% - Sodio 5,6%.

COME SI USA

Miscelare accuratamente alle granaglie intere e/o sfarinate oppure ad altri alimenti non integrati con sali minerali e oligoelementi in ragione di 20 g di VITASTAB TUTTO SALI P.Ca ogni kg di mangime. In aggiunta a quanto sopra è anche alternativamente possibile lasciare VITASTAB TUTTO SALI P.Ca a libera disposizione nelle apposite mangiatoie in ragione di una quantità pari al 2% della razione giornaliera non integrata con sali minerali e oligoelementi. Evitare l’uso simultaneo con acqua da bere addizionata con cloruro di colina.
Nell’Area Prodotti del sito aziendale www.formevet.com è disponibile l’etichetta del prodotto. Confezione: barattolo 500 g
Formevet S.r.l. - Via Savona, 97 - 20144 Milano (Italia) - Tel. 02.4345891 - Fax. 02.43458922 - www.formevet.com - vetline@formevet.it

Focus

Terre dell’Etruria e il carciofo toscano. Il progetto Residuo Zero tra un brand ad hoc e packaging sostenibili

L’obiettivo dell’Op di Terre dell’Etruria (che conta oltre 110 aziende della costa toscana) è chiaro: distinguere il carciofo toscano. Un progetto ambizioso e ben avviato, frutto di una più ampia strategia orientata ad incrementare il valore commerciale dei prodotti, promuovere la conoscenza attraverso lo sviluppo del potenziale umano e migliorare la qualità dell’ambiente. «La coltivazione sta procedendo bene, le superfici sono stabili e nuovi impianti entreranno in produzione a partire dal marzo 2021», ha dichiarato alla prestigiosa testa Italiafruit il responsabile ortofrutta di Terre dell’Etruria, Paolo Simonelli. Il freddo che ho segnato il mese di febbraio non ha certo aiutato, ma i danni sembrano essere stati sufficientemente contenuti. Per il 2021 sono attesi circa 520 tonnellate di carciofi, per i quali sono previsti importanti novità: «Stiamo portando avanti il progetto residuo zero; abbiamo individuato quattro aziende, disponiamo di un disciplinare di produzione a cui gli agricoltori si attengono».. Continua la lettura sul periodico di Mar/Mag 2021.

«Terre dell’Etruria, una piattaforma al servizio dell’innovazione in agricoltura» Intervista a Sara Guidelli, Direttore Generale Legacoop Agroalimentare

In apertura di un numero denso di contributi, testimonianze e racconti della nostra cooperativa abbiamo intervistato Sara Guidelli, Direttore Generale di Legacoop Agroalimentare, che ci ha offerto la sua visione di Terre dell’Etruria. Come Direttore generale di Legacoop Agroalimentare hai a che fare con una serie di realtà molto diverse tra loro: come è integrata a livello nazionale Terre dell’Etruria? Con le recenti fusioni (Co.Pa.Ca, San Rocco e Airone Green Center) – che si sommano a quelle che hanno caratterizzato la storia della cooperativa – Terre dell’Etruria si conferma come una delle realtà più importanti nel panorama agroalimentare della Toscana. E sicuramente è una realtà che si candida ad avere un ruolo a livello nazionale. È una delle cooperative che contribuiscono alla crescita del settore: grazie alle scelte strategiche portate avanti è tra quelle che meglio interpretano la filosofia di crescita del settore, fatta di capacità di rafforzarsi, di unioni e di attenzione alla qualità e valorizzazione delle eccellenze del made in Italy... Continua la lettura sul periodico di Mar/Mag 2021.

I legumi Antico Borgo: sostenibili per l’ambiente e per il portafoglio. Ceci, lenticchie, fagioli borlotto, cannellino, zolfino e rosso, oltre a farro, orzo e una zuppa toscana composta da ingredienti misti: sono i nuovi arrivati nella linea di prodotti toscani.

Il 10 febbraio scorso se ne è celebrata la Giornata mondiale. Stiamo parlando dei legumi, una coltivazione a bassa impronta idrica che promuove anche la biodiversità e rappresenta una valida alternativa alla carne. Ed è proprio per celebrare un alimento che mette insieme salute, sostenibilità economica e sostenibilità ambientale che nel 2019 la FAO (l’agenzia Food and Agriculture Organization delle internazionale dei legumi, fissata stabilmente il 10 febbraio, per dare continuità alle azioni intraprese nel 2016 con l’Anno internazionale dei legumi. I legumi sono la giusta chiave per fornire una sana alimentazione al maggior numero di persone e con un minore impatto ambientale rispetto agli allevamenti animali. Questo perché sono ricchi di proteine e sono economicamente accessibili e la loro coltivazione può essere portata avanti da piccoli agricoltori. I legumi sono una vera miniera di proteine: ne contengono il doppio dei cereali e talvolta in quantità maggiore persino rispetto a carni di bassa qualità. Per questo siamo fieri di presentarvi gli ultimi arrivati sugli scaffali dei nostri punti vendita tra i prodotti a marchio Antico Borgo: la nostra selezione di legumi, composta da nove referenze importanti ed essenziali: ceci, lenticchie, farro, orzo, quattro tipi di fagioli (fagiolo borlotto, fagiolo cannellino, fagiolo zolfino, fagiolo rosso) e una zuppa toscana composta da ingredienti misti. I legumi Antico Borgo sono prodotti 100 % toscani per produzione e lavorazione, che vengono trattati, puliti e impacchettati da un nostro socio di Bientina. A partire da dicembre 2020 i legumi sono proposti in vendita in sacchetti sigillati da 500 grammi oppure sfusi. Le uniche referenze ad avere un formato diverso, da 300 grammi, sono il fagiolo zolfino e il fagiolo rosso: trattandosi di prodotti un poco più costosi perché più rari, abbiamo preferito continuare a offrirvi prodotti buoni a un prezzo sostenibile, sicuri che sarete felici di portare in tavola alimenti del territorio coltivati con passione dai nostri soci agricoltori.. Continua la lettura sul periodico di Mar/Mag 2021.

 

La Redazione

Camilla Micheletti
Direttore Editoriale
Filippo Martinelli
Direttore Responsabile
Azzurra Meucci
Redazione
Federico Creatini
Redazione

 

Suggerimenti

Sei un cuoco? un appassionato di agricoltura? un estimatore dei prodotti toscani? Oppure sei curioso di sapere dove si trovano le nostre aziende, cosa e come viene coltivato, sei interessato ad un settore in particolare?

Scrivici! Lasciaci una tua impressione, un tuo commento, inviaci le tue ricette, le tue foto, cosa vorresti trovare nel prossimo periodico. Ogni comunicazione verrà trattata con la masssima attenzione. Con il tuo contributo faremo crescere insieme il "periodico Cooperazione in Agricoltura".


Ho preso visione dell'informativa privacy