Navigazione Veloce
Chiudi Navigazione
Apertura Frantoi

News e Eventi

COMUNICATO STAMPA


 14-01-2015 - Terre dell'Etruria

Donoratico, 14/01/2015 
 

Gentile Redazione,
 

Vi scrivo in merito alle notizie riportate giustamente sulla cronache nazionali ed internazionali di giornali e tv, rispetto allo stato dei fatti dell’olivicoltura in Italia e, soprattutto, agli attacchi rivolti all'olio extravergine di oliva Toscano.
 

Credo sia doveroso per il nostro paese e per la nostra tradizione contadina far capire bene ai consumatori come stanno le cose realmente e chi sono i veri responsabili di questo scempio mediatico, morale ed economico, di un patrimonio che in Toscana tramandiamo da centinaia di anni e che rappresenta il simbolo della “made in Tuscany” nel mondo.
 

Credo sia opportuno dare voce a chi realmente rappresenta la produzione dell'olio in Toscana, come noi. Cooperativa Terre dell'Etruria, con quattro frantoi dislocati in tre province della costa toscana, Pisa, Livorno e Grosseto, con la gestione della produzione olearia 1800 produttori associati.
 

Siamo la più grossa realtà della Regione come produzione (ai nostri frantoi moliamo circa 120000 ql di olive dei nostri soci e produciamo oltre 19000 ql di olio Toscano igp) ed assieme ad altre due cooperative toscane gestiamo oltre il 75%dell'olio Toscano “vero” che viene commercializzato negli Stati Uniti.
 

Non siamo commercianti, siamo cooperatori, e le nostre cooperative hanno un senso solamente se esistono gli agricoltori con il loro lavoro e il loro prodotto che noi gestiamo con cura seguendoli ed indirizzandoli dal campo alla tavola attraverso tutta la filiera produttiva.
 

Pensiamo sia giusto parlare ampiamente di questa realtà, il mondo dell'olio, che molti non conoscono oppure ne sono a conoscenza solamente per ciò che viene loro raccontato attraverso pubblicazioni promozionali su giornali e tv.
L’olio si conosce come quel condimento che si trova imbottigliato sugli scaffali senza sapere la tradizione, il sapere, la fatica e il lavoro che vi sta dietro.
 

Credo potrebbe essere importante dedicare all’argomento più spazio all’interno delle Vostre testate e nei Vostri programmi televisivi; non solamente ai singoli produttori che fanno audience, come già avviene, ma a coloro che veramente lavorano quotidianamente per lo sviluppo del settore e la continuità del mondo agricolo, al momento esclusivamente presenti in organizzazioni cooperative. Forse, l’unico che si sta battendo per la valorizzazione e l’integrità del Prodotto in Italia.
 

Spero che vogliate prendere in considerazione questa mia riflessione e che finalmente si inizi a parlare seriamente ed in maniera costruttiva di questo mondo apparentemente blasonato e osannato da tutti ma, ahimè, sconosciuto ai più.
 

Restando a disposizione per qualsiasi ulteriore informazione e supporto di qualsiasi attività che decidiate di intraprendere,
Vi ringrazio per l'attenzione riservata a queste righe.

 

Saluti
Massimo Carlotti
Presidente coop Terre dell’Etruria 

  Torna indietro