Navigazione Veloce
Chiudi Navigazione

Olivo

Gent.mo olivicoltore , inviamo un riepilogo delle strategia di difesa proposte per l'olivo per la campagna 2020, suggeriamo contattare il Vs tecnico di riferimento per definire i fabbisogni di mezzi tecnici necessari per il tuo oliveto entro il 15 marzo , questo per meglio programmare la logistica e gli acquisti da parte di Terre dell'Etruria e per evitare di rimanere senza prodotti per la difesa  considerata anche la contingente situazione di mercato dei mezzi tecnici.Per chi non lo avesse ancora fatto suggeriamo iscriversi al ns. link  https://www.terretruria.it/monitoraggio  per avere un informazione tempestiva e aggiornata o al servizio SMS inviando il proprio numero di cellulare al tecnico di zona di riferimento. 

 

Dal punto di vista botanico, nella composizione varietale predominano le varietà frantoio, moraiolo, maurino, pendolino e leccino. La raccolta delle olive viene eseguita ancora oggi, per la maggior parte degli oliveti, manualmente, quando le olive si trovano ancora sulla pianta ed hanno raggiunto il giusto grado di maturazione, quando cioè da verdi iniziano ad assumere una colorazione più scura.

Gli accurati metodi di coltivazione degli oliveti, la natura del terreno, il clima mite che caratterizza l’intera zona di produzione, le moderne tecniche di lavorazione delle olive, i ristretti tempi di attesa dalla raccolta alla frangitura, la stessa gramolazione, che avviene per semplice separazione meccanica e fisica delle olive, i moderni locali di stoccaggio e confezionamento dell’olio, totalmente climatizzati, sono solo alcuni degli aspetti che fanno del nostro olio un prodotto apprezzato dai mercati nazionali e internazionali e che garantiscono il mantenimento della freschezza del frutto ed assicurano nel tempo un olio con sapori e profumi tipici dell’oliva appena spremuta.

  1.  OLIVETE CONVENZIONALI :  Entro 27/06 per prevenz.mosca e cascola trattare con SURROUND 4 kg/hl opp MANISOL 5 kg/hl opp CAOLINO GREENC 5 kg/hl
  2.  OLIVETE BIOLOGICHE:    ENTRO 27/06 per prevenzione mosca e cascola suggerito SURROUND 4 kg/ hl opp MANISOL ZERO 5 kg/ hl opp CAOLINO GREENC 5 kg/ hl  

Cecidomia delle foglie dell’olivo – Dati 2019 da rete monitoraggio e consigli per gli olivicoltori

1. Stadio di sviluppo del fitofago
Il campionamento eseguito nel periodo sopra indicato ha dato come risultato quanto rappresentato in Fig.1. I dati evidenziano che il fitofago sta per completare lo sviluppo (53% di pupe + fori d’uscita) e dare origine alla generazione primaverile. Questo dato risulta molto importante per la programmazione di eventuali interventi di controllo.

2. Strategie per il controllo del fitofago
Occorre innanzitutto premettere che ad oggi
a) non esistono principi attivi e quindi prodotti commerciali registrati su Cecidomia delle foglie dell’olivo
b) è in corso l’iter per l’autorizzazione di uso straordinario di Acetamiprid (n.1 intervento autorizzato in un intervallo di tempo di 120 gg)
Nonostante quanto sopra si ritiene comunque utile fornire agli olivicoltori un parere su come orientarsi nel caso di eventuali trattamenti contro la Cecidomia delle foglie dell’olivo

3. Epoca di esecuzione dell’intervento di controllo del fitofago
a) Nel caso l’olivicoltore decida per un intervento larvicida, contro le larve giovani (Ia età) di Cecidomia l’epoca ottimale di intervento è stimata nel periodo dal 15 al 25 di aprile. L’olivicoltore dovrà rivolgersi ad un tecnico di fiducia per farsi consigliare sull’epoca ottimale d’intervento.
b) Nel caso invece l’olivicoltore voglia eseguire un intervento mirato a ridurre e/o contenere la popolazione degli adulti di Cecidomia. L’olivicoltore dovrà rivolgersi ad un tecnico di fiducia per farsi consigliare sui prodotti da utilizzare e l’epoca ottimale d’intervento.

4. Consigli per i tecnici ed operatori
Preso atto della presenza di parassitizzazione diffusa nella maggior parte di punti di monitoraggio (24 punti su 30) è molto importante ESEGUIRE TRATTAMENTI,
soprattutto con prodotti ad alto impatto ambientale, solo nel caso di ALTA INFESTAZIONE e BASSA PARASSITIZZAZIONE.
Nei casi in cui nell’azienda è presente parassitizzazione si consiglia di valutare casoper caso la strategia migliore da adottare.
Inoltre soprattutto nel caso di intervento con Acetamiprid si consiglia di eseguire uno sfalcio della flora spontanea prima dell’esecuzione del trattamento stesso

IL SERIVIZIO DI MONITORAGGIO DELLA MOSCA DELL'OLIVO E' DISPONIBILE NELL'APPOSITA SEZIONE "MONITAROGGIO": CLICCA QUI PER ACCEDERE 
  Torna indietro