Navigazione Veloce
Chiudi Navigazione
Apertura Frantoi

La cooperativa informa

Legacoop punta sul Bio. Terre dell'Etruria al Vertice.


Terre dell’Etruria al vertice della Filiera Ortofrutticola Biologica

Potenziare il mercato del bio, concentrare e innovare gli stabilimenti, avviare progetti sperimentali come assistenza tecnica unificata, implementare la comunicazione in rete di dati e bollettini, e arrivare  a razionalizzare il trasporto su gomma per accorciare la strada tra il prodotto e il consumatore.

Sono questi gli obiettivi dell’alleanza siglata ieri, 14 settembre, a Firenze, tra cooperative della Toscana e dell'Emilia Romagna associate a Legacoop e coinvolte nel Progetto Integrato di Filiera Ortofrutta Toscana Bio. 

Tra i soggetti al vertice, dunque, la cooperativa Terre dell'Etruria (54 milioni di giro d'affari) rappresenterà il punto di riferimento tecnico-produttivo per gli agricoltori toscani in termini di assistenza tecnica, con il team degli agronomi che da sempre contraddistingue l’attività della cooperativa, e controllo della qualità.

Affiancata, poi, da Ortofrutta Toscana Bio coinvolge Vivitoscano di Firenze (capofila), il gruppo Apofruit che vale 214 milioni di fatturato e Agribologna che vanta ricavi per 140 milioni, , Conor e CS Etruria.

 Il progetto riunisce dalle aziende agricole (primo anello della catena) a quelle di lavorazione e commercializzazione (Vivitoscano e Cs Etruria) a molti soggetti intermedi.

Come riassunto dal Presidente Massimo Carlotti <>

Esordito con un fatturato di circa il mezzo miliardo di euro, l’alleanza si propone di portare da meno di 10.000 ad oltre 20.000 le tonnellate di frutta e verdura bio che sarà commercializzata col brand Almaverde bio. Il primo investimento, per avviare ciò saranno i due milioni di euro che saranno a breve investiti per nuove serre atte a migliorare e ottimizzare la produzione.

  Torna indietro