Navigazione Veloce
Chiudi Navigazione
Apertura Frantoi

La cooperativa informa

IMMAGINI e RASSEGNA STAMPA Seminario: Il Sangue della Terra. Per una viticoltura sostenibile dal suolo all'uva.


GRANDE SUCCESSO PER IL SEMINARIO SANGUE DELLA TERRA.

Organizzato da Terre dell’Etruria presso San Guido – Bolgheri ha cercato di riunire i maggiori studiosi, agronomi consulenti ed aziende vitivinicole per parlare insieme delle nuove soluzioni e proposte tecniche per una viticoltura sostenibile. Percorso che Terre dell' Etruria , negli ultimi 5 anni , ha cercato di intrapreso grazie anche al supporto di alcuni consulenti e ricercatori, con le loro aziende viticole che con la Cooperativa hanno voluto condividere queste esperienze, soluzioni alternative o integrative ai classici sistemi di gestione del vigneto che gia'  dal 2010 devono essere preferiti, come indicato dalla  normativa nazionale (PAN) e, in quanto, Terre dell'Etruria partner indiretto di un Piano Integrato di Filiera (dal 2015) con alcune importanti aziende viticole della zona che ha, nella ricerca della sostenibilità nel produrre le uve, uno dei principi ispiratori.

Gli argomenti trattati sono stati molti, come i relatori contributori durante tutta la giornata: contributi Alessandro Petri, Agronomo della Tenuta San Guido, ha accennato alla visione della viticultura  negli appunti di Mario Incisa; la professoressa Laura Mugnai dell’Università di Firenze ha fatto una panoramica sullo stato della ricerca sulle malattie del legno della vite e approcci alla difesa in  vigneto e poi è stata la volta di  Marc Birebent, World Wide Vineyards,  che ha parlato dell’innesto della vite e longevità del vigneto.

 Ecco che la discussione si è spostata sulle difese naturali della vite come l’impiego di epidotteri e cocciniglie  della vite spiegato dal prof. Andrea Lucchi dell’Università di Pisa; Impiego dei feromoni per la difesa del dott. Andrea Iodice dell’azienda BIOGARD ed ancora un focus sugli insetti antagonisti per la difesa del vigneto a cura del dott. Stefano Foschi della società BIOPLANET e Strategie di viticoltura bio ed esperienze dei biodistretti suggeriti dal dott. Ruggero Mazzilli di SPEVIS. Infine, il seminario si è concluso, prima della visita con degustazione guidata presso la Cantina Sassicaia, con l’esposizione dell’azienda Kalos sugli  induttori di resistenza a supporto della difesa aziendale e le formulazioni e ottimizzazione dell’impiego del rame e dello zolfo a cura dell’azienda UPL.

Concludendo, dopo questo incontro si è capito che spesso i metodi  e le tecniche di produzione ecosostenibile , trovano maggiore efficacia, quando applicate e coordinate su scala territoriale, in questo ci piacerebbe in futuro essere insieme a voi, partecipi e attori nell' applicazione di tali metodi , ad esempio è stato portato l’esperimento Bolgheri per il caso della confusione sessuale per la tignoletta della vite , dove iniziammo con le prime applicazioni ad inizio anni 2000 su circa 20 ettari , insieme al Dr. Savino, e  dove ad oggi si contano circa 1000 ettari, anche se alcuni mancano ancora all' appello.... difesi con questo sistema.

 

  Torna indietro